Select Page

Cinque cose fondamentali quando scegliamo una casetta da giardino

Avete deciso di fare un regalo speciale a vostro figlio: la casetta per giocare in giardino che tanto desiderava! Ora però bisogna decidere quale prendere, valutando bene le varie caratteristiche. Abbiamo già parlato delle migliori casette da giardino qui, ora è il momento di fare chiarezza su quali sono le caratteristiche a cui dobbiamo prestare attenzione prima di fare la nostra scelta.

Cosa guardare prima di comprare una casetta in legno

Ci sono aspetti diversi che concorrono a creare la casetta perfetta: alcuni riguardano la sicurezza e la salubrità, altri fanno riferimento all’aspetto e alle dimensioni. L’insieme di tutti questi piccoli dettagli crea quella che possiamo definire la casetta da giardino ideale!

1) I trattamenti

Regola numero uno: il legno è un materiale naturale e come tale soggetto a deperimento. Se non trattato correttamente verrà attaccato, prima o poi, da funghi e da marcescenza. Quindi, in breve tempo, addio casetta. 🙂
Affinché la casetta di legno possa resistere a lungo nel nostro giardino, senza temere pioggia o intemperie, è indispensabile che il legno non sia grezzo, ma impregnato e trattato con prodotti specifici. Se questi trattamenti non vengono fatti, o se vengono fatti con vernici di bassa qualità, c’è il rischio che il legno marcisca molto velocemente, producendo funghi o muffe.
Gli impregnanti e le vernici troppo economiche sono anche di scarsa qualità. Spesso sono poco più che “acqua sporca”. Se vogliamo qualità dobbiamo rivolgerci a prodotti di ottima qualità. Noi vi consigliamo la Adler, storico marchio austriaco o la 3v3

 

 

2) Le tipologie di legno

Non tutto il legno è adatto alla produzione di casette da giardino: ci sono infatti essenze che resistono più di altre a sole, umidità, pioggia e vento. Ci sono legni adatti agli esterni, che non richiedono manutenzione, come acacia, cipresso, larice, rovere, olivo, teak. Ci sono poi legni che possono essere utilizzati all’esterno, ma che richiedono un po’ di manutenzione, come abete, frassino, pino, okumè. Altre essenze, pur validissime e pregiate nell’arredo interno, sono assolutamente sconsigliate per gli esterni: acero, faggio, ciliegio, noce sono tra questi. Quando scegliamo la casetta da giardino per i nostri bambini è bene quindi valutare anche il tipo di legno con cui è stata prodotta.

 

 

3) Le norme di sicurezza

La prima cosa a cui pensiamo ogni volta che scegliamo un gioco per i nostri bambini è che sia sicuro e che non comporti alcun tipo di rischio per loro. A cosa dobbiamo stare attenti? Innanzitutto alla conformazione della casetta: gli spazi non devono essere angusti, non ci devono essere viti o chiodi esposti, gli angoli devono essere smussati, i materiali e le vernici che vengono utilizzate devono essere certificate e non tossiche: i bambini passeranno molto tempo all’interno della casetta e non vogliamo che respirino sostanze nocive. In generale è importante che siano gli adulti a montare la casetta e a curarne la pulizia, come è utile che venga verificata periodicamente la solidità della struttura e che viti e accessori siano al posto giusto. Verifichiamo bene la provenienza del prodotto che acquistiamo e accertiamoci che sia dotato di marcatura CE e ottemperi alla normativa EN71.

 

4) Le dimensioni

Quando scegliamo la casetta in legno per i nostri bambini dobbiamo anche considerare di che dimensioni acquistarla: le più piccole possono sembrare più comode, facili da trasportare e montare ( e risultano essere di gran lunga più economiche), in realtà la scelta migliore è quella di orientarsi su casette di medie/grandi dimensioni. Le casette in legno più grandi infatti permettono di giocare in gruppo, favorendo la socializzazione e la creatività, e sono adatte anche a bambini di età maggiore rispetto a quelle più piccole, che vengono presto abbandonate. Un piccolo investimento in più consentirà di usare più a lungo la casetta che, una volta cresciuti i figli, potremmo convertire a casetta per gli attrezzi.

 

5) L’aspetto

Noi genitori quando ci troviamo a comprare una casetta da giardino siamo naturalmente orientati verso soluzioni esteticamente raffinate ed eleganti, ma è davvero quello che i nostri bambini vogliono? I bambini sono attratti dai colori, dalle linee insolite e dalle forme creative: l’aspetto “giocattoloso” è indispensabile per far sì che i bimbi non abbandonino subito la loro nuova casetta in legno. 
L’ideale è trovare un prodotto che mantenga il giusto equilibrio fra giocosità e rispetto per il design del giardino. 
Felici i figli, felici i genitori 🙂

 

 

6)L’assemblaggio

Ultima regola: mai sottovalutare il montaggio. Se siete degli esperti carpentieri o dei maghi dell’assemblaggio questo punto non vi riguarda, se invece non avete particolari skills di falegnameria o semplicemente non avete molto tempo e pazienza, un altro aspetto che dovete tenere bene in considerazione è la facilità di assemblaggio. Ci sono casette in legno molto economiche ma altrettanto complicate da montare: devi avvitare ogni piccolo elemento, potrebbe diventare un incubo! Valuta anche questo nella scelta!
La casa produttrice spesso riporta le ore di assemblaggio con un certo grado di ottimismo. Montare casette può risultare più complesso del previsto e l’entusiasmo iniziale può lasciare rapidamente il passo allo scoraggiamento. 
Quindi…leggete bene il manuale di montaggio prima di concludere l’ordine!

 

 

E comunque sia W il legno e lunga vita alle casette in giardino!

Alcuni fra i migliori marchi: